Cosimo de’ Medici

L’appartamento Cosimo era originariamente la parte della casa medievale che veniva utilizzata come cucina. In questa era, la cucina doveva sempre essere in cima agli edifici a causa del rischio di incendio rappresentato dalla cottura su fiamme libere nei camini.

L’appartamento Cosimo il Vecchio è di 63 metri quadrati e si trova al secondo piano. Entrando la prima cosa che si nota è il tavolo da pranzo illuminato da un lucernario installato sull’alto soffitto. Nel corridoio che porta al resto dell’appartamento si trova una cucina completamente attrezzata. Da lì, si entra in un ampio e luminoso soggiorno con due poltrone, un comodo divano italiano (che può diventare un divano letto matrimoniale con un extra di 25 €) e una TV LCD HD dove rilassarsi con un bicchiere di vino. La camera principale con un letto matrimoniale si trova proprio dietro l’angolo e ha un bagno con doccia. Raggiungibile dal soggiorno tramite una scala in legno, un soppalco con due letti singoli è connesso ad un bagno finestrato con vasca. Questo appartamento ha conservato un tocco della sua antica atmosfera ed è arredato in modo confortevole con un mix di pezzi antichi e moderni e disegni di una nostalgica Firenze rinascimentale. È una sistemazione perfetta per una famiglia di quattro – sei persone o un gruppo di amici.

Nell’appartamento Cosimo de' Medici troverete:

Una lavanderia con saponi monodose e stendino

Un ferro da stiro con asse da stiro

Un sacchetto per il bucato

Un asciugacapelli

Una caffettiera

Un forno

Un bollitore

Un tostapane

TV HD LCD

Divano letto matrimoniale con biancheria da letto nell’armadio

Due bagni con doccia e asciugamani

4 cestini con etichette per il riciclaggio dei rifiuti

Un kit di primo soccorso

Due bottiglie d’acqua come omaggio

Chi era Cosimo de’ Medici?

Cosimo de ‘Medici noto come Il Vecchio o Pater è stato un politico e banchiere italiano, il primo signore di fatto di Firenze e il primo eminente statista della famiglia dei Medici. Grazie alla sua politica moderata, è riuscito a mantenere il potere per oltre trenta anni fino alla sua morte, gestendo lo stato in silenzio attraverso i suoi uomini di fiducia e permettendo così il consolidamento della sua famiglia al governo di Firenze. Amante dell’arte, Cosimo ha investito gran parte del suo enorme patrimonio privato per abbellire e rendere gloriosa la sua città natale, chiamando artisti e costruendo edifici pubblici e religiosi. Appassionato di cultura umanistica, fondò l’Accademia Neoplatonica e favorì la direzione speculativa dell’umanesimo fiorentino della seconda metà del XV secolo. Per i suoi meriti civili, in seguito alla sua morte, la Signoria lo proclamò Pater patriæ, “padre della patria”. La fama di Cosimo ha continuato a essere generalmente positiva nel corso dei secoli quando la sua amministrazione della Repubblica ha gettato le basi per il periodo d’oro che raggiunse l’apice sotto il governo di suo nipote, Lorenzo il Magnifico.

HERE_PUT_A_PLACEHODLER_OR_LEAVE_EMPTY
Book Now